Home - - Villa Salina

Villa Salina

Storia

A un paio di chilometri da Castel Maggiore sorge la cinquecentesca Villa Salina, la cui storia è intrecciata a Marcello Malpighi e alla famiglia dei Conti Salina.

Acquistata dall'illustre scienziato nel 1682, che vi scrive la sua prima opera Anatomes plantarum con cui si aggiudica l'iscrizione con onore alla Reale Accademia di Londra, dal 1694 la villa cambia spesso di proprietà sino ad appartenere nel 1762 a Giovanni Antonio Salina. Proprio a quell'epoca risale lo splendido soffitto dipinto a tempera nella loggia d’ingresso al piano terra.

I Salina ampliano e arricchiscono la villa con corpi laterali dedicando particolare cura al parco sul retro ricco di piante rare, fiori meravigliosi ed esemplari arborei di notevoli dimensioni, tra cui spicca una monumentale farnia il cui tronco supera i 5 metri di circonferenza fecendone da sempre meta di visitatori.

La villa, di proprietà della regione Emilia Romagna, è sede di convegni, studi ed eventi, tra cui la rassegna musicale Borghi e Frazioni in Musica che da oltre un decennio dà voce a grandi artisti di diversi generi musicali ospitandoli in luoghi insoliti e suggestivi del territorio bolognese: ville padronali, vigneti, torri e prati parrocchiali, laghetti e scorci architettonici e naturalistici.

Villa Salina
via Galliera, 2
40013 Castel Maggiore (BO)