Home - - Pieve dei Santi Gervasio e Protasio

Pieve dei Santi Gervasio e Protasio

La Pieve dei Santi Gervasio e Protasio sorge ad un chilometro circa ad ovest del centro budriese ed è la prima chiesa del territorio e fra le più antiche chiese parrocchiali della diocesi bolognese.

Il campanile romanico, adiacente, potrebbe risalire anche a prima dell’XI secolo.





Testimonianza della sua antica origine sono un gruppo di epigrafi, romane e longobarde, dei secoli V-VIII, ora murate sotto il portico dell’edificio sacro e la chiesa sommersa, attribuibile al secolo VIII-IX d.C., che si trova sotto il pavimento dell’attuale edificio: è a tre navate, che terminano in tre absidi semicircolari.
Scoperta nel 1700, oggi, ricolma di fango, è accessibile solo nella parte absidale.





L’attuale forma architettonica dell'esterno risale al secolo XVIII, quando venne costruita l’elegante facciata ed eretto un nuovo portico.

L'interno presenta tre navate:
la centrale, coperta da una volta a botte risalente al XVII secolo;
le laterali, con quattro cappelle per lato, aggiunte nei restauri del 1810.




Nella prima cappella di sinistra si trova la preziosa croce di marmo bianco, di epoca carolingia (828 d. C.) con accanto l’antico fonte battesimale ricavato da un capitello di epoca tardo-romana.

Nelle altre cappelle è possibile ammirare opere pittoriche di Iacopo Alessandro Calvi, detto il Sordino (1740-1815); di Giuseppe Marchesi, detto il Sansone (1727); di Ubaldo Gandolfi (1727-1781) e di pittori della scuola bolognese del Reni e dell’Albani.

Nella terza cappella di sinistra c’è un’opera contemporanea, la pala d’altare dedicata a S. Clelia, realizzata dal budriese Dante Mazza nel 1991. 

Informazioni

 

Via Pieve, 2
40054 Budrio (BO)

Tel. 0039 051 6922672


Per ulteriori informazioni:
Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP)
Tel: 0039 051 6928210
Fax: 0039 051 6928285
Numero verde:  800 215 255

urp@comune.budrio.bo.it

www.comune.budrio.bo.it