Home - Le Ricette - Enogastronomia - Raviole di San Giuseppe

Raviole di San Giuseppe

Raviole di San Giuseppe

La raviola è il dolce di pasta frolla ripieno di mostarda bolognese (detta anche marmellata 'nera' per via del suo colore scuro: è una marmellata a base di mele cotogne, pere cotogne, scorza d'arancia e limone) che un tempo veniva preparata nelle campagne bolognesi per celebrare San Giuseppe, il 19 marzo, ovvero la festa della Primavera cristianizzata. Ma non solo: le raviole dolci bolognesi, che esistono anche nella versione farcita con la marmellata di albicocche, fanno parte integrante della tradizione culinaria bolognese ed è per questo che si usava prepararle per allietare i giorni di festa in genere, e anche per festeggiare il Carnevale nella versione fritta. 

Nei ricordi di bambine e bambini, oggi diventati adulti, resta ancora il rito della preparazione dell'impasto fatto da abili mani femmnili, quello della farcitura con la mostarda, dolce ma dal sapore asprigno, e poi il momento top, quello del profumo delle raviole appena sfornate, quando mangiarne una ancora calda sarebbe diventato un momento indimenticabile per tutta la vita di molti. 

La sua consistenza è piuttosto soda e corposa (grazie a cotture lente alternate a lunghi riposi); la ricetta classica (in una delle sue versioni, perchè ogni 'arzdoura' ha la sua ricetta) prevede la seguente preparazione:

Formare una fontana con 500 gr di farina sul tagliere. Aggiungere al centro 200 gr di zucchero semolato, 200 gr circa di burro a cubetti, 2 uova, una bustina di lievito per dolci e la scorza di un limone gratugiata. Lavorare inizialmente con una forchetta e procedere lavorando con le dita fino a formare un impasto omogeneo.

Avvolgere l'impasto ottenuto nella pellicola per alimenti e far riposare in frigorifero per 1 ora.

Riprendere l'impasto e stenderlo non troppo sottile sul tagliere spolverizzato di farina. Con un taglia biscotti del diametro di 8 centimetri realizzare dei cerchi. Al centro di ogni cerchio mettere un cucchiaino di mostarda. Richiudere le ravile a metà in modo da formare delle mezzelune, spennellarle con pochissimo latte e spolverizzarle con lo zucchero.

Cuocere in forno su una teglia coperta da carta da forno a 180° per 15 mniuti circa.

Raffreddare prima di servire

Da oltre duecento anni, Trebbo di Reno (a 3 km da Castel Maggiore) ospita la Festa della Raviola, la sagra dedicata al dolce tipico usato per celebrare la ricorrenza di San Giuseppe.